Cibi ricchi di potassio: quali sono e come consumarli

Il potassio è un minerale fondamentale per l’organismo, perché prende parte a delle funzioni importanti per questo non deve mancare nella dieta, si devono consumare cibi ricchi di potassio. In particolare è implicato in due importanti compiti: la trasmissione degli impulsi nervosi ed il controllo della contrattilità muscolare.

Di fatto è una sostanza utile per conservare la funzionalità muscolare e del sistema nervoso. Inoltre è indispensabile per mantenere nel range dei valori normali la pressione sanguigna. In più contribuisce ad eliminare le sostanze tossiche dalle cellule per assimilare le sostanze nutritive.

Nello specifico, il minerale è utile per chi svolge attività fisica o sforzi per evitare i crampi. Il minerale è disponibile in diversi alimenti, perciò è raro registrare un suo deficit.

Ma ci sono alcuni alimenti che presentano una maggiore concentrazione di tale minerale. Ad esempio il sale minerale è presente in grande quantità nella conserva di pomodoro. Questo prodotto molto adoperato in cucina è una concentrazione anche di antiossidanti. Il pomodoro è un frutto che contiene una buona quantità di potassio sia nella sua polpa sia nella buccia.

Anche i cereali integrali mettono a disposizione un buon quantitativo di potassio. Per non disperdere il minerale però si consiglia di fare attenzione ad un dettaglio. Nel corso della cottura i cerali integrali devono assorbire più acqua possibile. Solo così si può assimilare il potassio contenuto nei cereali. In caso contrario si rischia di disperderlo nella stessa acqua.

Cibi ricchi di potassio

cibi-ricchi-di-potassio-1

Per fare scorte del nutriente si raccomanda anche il consumo regolare dei legumi secchi. In base alle indicazioni dei nutrizionisti andrebbero mangiati almeno una volta la settimana. Si tratta di alimenti ricchi di proteine e di sali minerali. Per favorire il pieno assorbimento da parte dell’organismo del potassio contenuto nei legumi si devono includere le bucce. Quindi è meglio optare per quelli secchi inoltre è bene consumare la loro acqua di cottura.

Anche la frutta secca (noci, nocciole, mandorle, pistacchi, pinoli) è una fonte di potassio. Ma a questo minerale se ne aggiungono altri e molte vitamine. È bene consumare la frutta secca come spuntino di metà mattina o metà pomeriggio. Una manciata di frutta secca può essere aggiunta per arricchire le insalate e per condire i primi piatti.

Si consiglia poi il cioccolato fondente perché oltre ad essere una ricarica di antiossidanti è anche ricco di potassio. Per assimilare al meglio ed assorbire rapidamente il potassio contenuto nel cioccolato si deve mangiare a stomaco vuoto. Lo si può consumare come spuntino ma anche dopo la pratica di un’intensa attività fisica, per evitare di risentire di affaticamento muscolare e di stanchezza.

, ,

Informazioni su GGdonna55

Vedi tutti gli articoli di GGdonna55 →