Doppie punte: rimedi alternativi al taglio dei capelli

Le doppie punte (tricoptilosi) si formano quando la cuticola del capello che lo avvolge si sfalda, generando doppie e triple punte. Questa problematica colpisce i capelli secchi, fragili, stressati ed indeboliti. Di solito, dopo l’estate, la chioma è più soggetta a tale fenomeno che porta le estremità ad apparire danneggiate. Inoltre, la tricoptilosi tende a verificarsi più di frequente sui capelli lunghi. Ossia quando il capello cresce.

Spesso si pensa che il solo rimedio per trattare questo genere di danni sia quello di spuntare i capelli. Ma ci sono altri trattamenti che permettono di dare alla chioma un aspetto più sana ed ordinato. Di solito l’indebolimento del capello che porta alla tricoptilosi è dovuto a delle cause predisponenti oppure a dei fattori meccanici.

Nella lista dei fattori predisponenti ci sono le condizioni del capello. Più il capello è debole, fragile e sottile e più è soggetto alle doppie punte, per la riduzione del diametro dei capelli. Si segnala anche la lunghezza dei capelli: quindi più sono lunghi e più si rovinano le punte.

Mentre tra le cause di natura meccanica si possono menzionare delle cattive abitudini durante la fase di spazzolamento con gesti troppo vigorosi. Anche le tecniche hairstyle nuocciono alla chioma, come nel caso della permanente, della cotonatura, della stiratura, della decolorazione.

Per eliminare questi danni sulle estremità delle ciocche si possono usare dei semplici rimedi che offrono una grande efficacia. Si può evitare di tagliare i capelli scegliendo delle soluzioni alternative, utili per dare vitalità ai capelli danneggiati.

Per prevenire tali danni e favorire così il benessere della capigliatura si consigliano degli integratori alimentari a base di aminoacidi e di vitamine che rinforzano dall’interno il capello. In questo caso è utile la loro assunzione per brevi cicli durante l’anno per rinvigorire i capelli.

Doppie punte: impacchi e maschere fai da te

È possibile fare degli impacchi almeno una volta al mese per idratare i capelli. In tal caso, si consiglia un impacco ricostituente fai da te a base di olio di oliva leggermente riscaldato, da applicare sui capelli e lasciare in posa per 30 minuti prima di lavare i capelli.

Tra le altre opzioni naturali ci sono gli impacchi a base di uno di questi oli: cocco, mandorle dolci, argan, ricino. Basta applicare un cucchiaio di olio sui capelli bagnati insistendo sulle punte. Dopo aver lasciato agire per 20 minuti si possono lavare i capelli con shampoo e balsamo. Per un’azione più efficace si può ripetere il trattamento ogni due settimane.

Tra gli altri rimedi naturali utili contro le doppie punte si suggerisce un impacco con la birra. Che si può spruzzare sui capelli e poi massaggiare. Dopo aver lasciato in posa per 15 minuti si fa lo shampoo.

Anche le maschere casalinghe sono benefiche. Ad esempio si può preparare una maschera nutriente a base di: uovo, 2 cucchiai di olio d’oliva, 2 cucchiai di aceto di mele. Si procede sbattendo l’uovo e versando l’olio e l’aceto. A questo punto si scalda a bagnomaria. Il composto applicato sulle punte si lascia agire per 30 minuti. Infine si fa lo shampoo.

Si può anche fare una maschera con 2 tuorli ed acqua tiepida. Basta mettere i tuorli in una ciotola e poi si aggiunge un po’ di acqua tiepida. Dopo aver sbattuto il composto si stende sui capelli. Infine la chioma va coperta con la pellicola trasparente per lasciare agire per mezz’ora. In seguito si fa lo shampoo. Un’altra maschera casalinga si può preparare frullando 2 uova con mezzo avocado. Il composto agisce sui capelli per 30 minuti. Come la maschera con papaya tritata e yogurt magro.

,

Informazioni su GGdonna55

Vedi tutti gli articoli di GGdonna55 →