Esiste una specie di api a cui piace bere le lacrime umane

Gli scienziati hanno scoperto una specie di api che non ama nient’altro che succhiare il dolce nettare di succo che copre i bulbi oculari.

specie-di-api-1

E le api vengono ad atterrare così delicatamente sotto le tue palpebre, che alcune persone non hanno nemmeno sentito gli insetti. O provato alcuna sensazione quando le api hanno iniziato a succhiare le loro lacrime. Anche chiudere gli occhi non sempre aiuta, secondo il rapporto della Kansas Entomological Society.

Sperimentando con questa specie di api, hanno riferito:

“ Dopo l’atterraggio e mentre succhiavano le lacrime, gli esseri umani spesso riuscivano a malapena a sentire la presenza di un’ape”. In effetti, era quindi necessario un controllo allo specchio per assicurarsi che fosse ancora lì o se ne fosse andata.

In pochissimi casi l’approccio risulta così gentile che l’essere umano ospite non si è reso conto di avere un’ape attaccata al suo occhio. Assorbendo le sue lacrime. Tuttavia, quando sono state coinvolte diverse api, l’esperienza è stata piuttosto spiacevole. Causando un forte flusso lacrimale.

Una volta che un’ape si era sistemata e altre si avvicinavano, queste tendevano a stabilirsi l’una accanto all’altra in fila. Chiudere l’occhio non ha necessariamente spostato le api, ma alcune hanno continuato a succhiare dalla fessura. Per fortuna la specie di ape – lisotrigona – è improbabile che si trovi nel nostro giardino. È originario solo della Thailandia e non si trova in Europa o nelle Americhe.

Si pensa che le api siano attratte da minuscole quantità di proteine ​​presenti nelle nostre lacrime. Potrebbero anche essere attratti dal contenuto di sale come i loro cugini di New York che amano leccare il sudore delle persone per strada. I ricercatori hanno cercato di attirare le api lontano dai bulbi oculari con altro cibo, come carne e formaggio, ma le api avevano occhi solo per una cosa: le lacrime piangenti degli umani.

Fortunatamente, quel buon vecchio meccanismo di difesa – il battito di ciglia – ha continuato a proteggerci. I ricercatori hanno riferito che all’atterraggio, l’ammiccamento automatico dell’occhio spesso ha impedito all’ape di ottenere una presa salda, facendola cadere dalle ciglia. In tal caso, l’ape ha tentato ripetutamente fino a quando non ha avuto successo, o alla fine si è arresa ed è volata via.

,

Informazioni su GGdonna55

Vedi tutti gli articoli di GGdonna55 →