Le cose che non vengono dette possono ammalare il nostro corpo

Non serve a niente tenere tutto dentro e le cose non dette ammalano il corpo. Esistono dei sintomi che considereremmo immediatamente fisici che in realtà corrispondono esattamente a tutte quelle forti emozioni negative che non siamo riusciti a sfogare.

Bisogna imparare a sfogare tutte le emozioni altrimenti queste si ripercuotono sul nostro stato di salute.

Le cose che non vengono dette ammalano il corpo.

cose-che-non-vengono-dette

Il dolore alle caviglie rappresenta la voglia di andare avanti mentre il dolore al collo è tipico di chi non dice le cose come stanno e non esterna le sensazioni.

Quello che colpisce lo stomaco è quello tipico di chi non digerisce una sensazione che sta vivendo. Il dolore alla schiena è invece quello che generalmente affligge che ha dei problemi economici.

Oppure non viene aiutato nemmeno dagli altri e dai familiari. Quello in alto è tipico di chi si sta assumendo carichi troppo onerosi e non riesce a portarli avanti come vorrebbe.

Le ginocchia doloranti sono tipiche dell’orgoglio ferito. La cefalea invece colpisce chi ha bisogno di allentare il controllo e la razionalità che sta esercitando sulla sua situazione.

Le eruzioni cutanee possono colpire chi desidera allontanare gli altri. I sintomi respiratori, come la fame d’aria e l’affanno, sono tipici di chi ha paura di morire o sta attraversando una situazione di forte tensione ed agitazione.

Persino problemi come vaginiti e cistiti possono essere legati all’emotività. Perché le cose non dette ammalano il corpo e questo punto di vista ormai appartiene anche alla medicina tradizionale.

L’ha dimostrato anche Carsten Wrosch, dell’Università di Concordia (Canada), che ha sostenuto che le cardiopatie siano più frequenti nei soggetti che hanno spesso a che fare con l’ansia.

Facciamo sapere a qualcuno se siamo arrabbiati o se l’amiamo, non teniamoci le cose dentro oppure sarà il nostro corpo a risentirne con dei sintomi anche fisici.

, , ,

Informazioni su GGdonna55

Vedi tutti gli articoli di GGdonna55 →