Quante calorie si bruciano camminando? Ecco come calcolarlo

Dopo aver declamato i benefici per la salute e la forma fisica derivanti da un’attività semplice come la passeggiata, chi vuole perdere peso si domanda quante calorie si bruciano in media camminando. Per combattere uno stile di vita troppo sedentario, anche i meno portati per lo sport possono impegnarsi in un’attività fisica brucia grassi.

Allora la scelta può ricadere sulla camminata a passo più o meno spedito in base al grado di allenamento. Come tutte le attività fisiche, per assicurare dei risultati soddisfacenti, anche la passeggiata sportiva richiede costanza. In media chi si impegna quotidianamente in una camminata veloce di almeno 30 minuti, coordinando la respirazione, può bruciare fino a 300 calorie.

Ma si devono considerare alcuni aspetti che incidono su tale risultato. Come ad esempio il proprio peso corporeo ed il livello di difficoltà. Camminare fa bene ad ogni età. Perché offre, come semplice attività fisica, molti benefici all’organismo. Oltre ad aiutare a dimagrire, migliora la salute dell’apparato cardiovascolare. Infatti è consigliata per prevenire le malattie croniche come nel caso di ictus e di infarti. Camminare stimola anche la circolazione negli arti inferiori, prevenendo la ritenzione idrica.

Si tratta poi di un’attività che contrasta lo stress. In particolare, camminare a ritmo veloce all’aria aperta favorisce una maggiore produzione di endorfine ossia gli ormoni della felicità. Si brucia un numero variabile di calorie con la camminata, perché su di esso incidono diversi fattori. Come nel caso del peso corporeo, la velocità della camminata, il grado di allenamento, la lunghezza del tragitto percorso. Si deve precisare che per calcolare quante calorie si perdono camminando, si deve partire dal proprio peso.

Come calcolare il consumo di calorie mentre si è impegnati nella camminata

In media chi pesa tra i 55 ed i 65 chili se si impegna in una camminata a velocità moderata potrà perdere circa 100 calorie in mezz’ora. Se invece si cammina più velocemente, si possono bruciare circa 185 calorie. Per perdere più calorie si suggerisce un percorso in salita, così in mezz’ora di attività fisica si potranno perdere circa 180 calorie.

Chi pesa di più (tra i 65 e i 75 chili) con una camminata moderata potrà in media bruciare circa 112 calorie in mezz’ora. Se si impegna in una camminata veloce potrà bruciare circa 214. Su un percorso in salita si stima che si possono bruciare circa 204.

Per un peso compreso tra i 75 e gli 85 chili, con una camminata moderata di mezz’ora si possono smaltire 127 calorie. Invece con una camminata a passo veloce si bruciano circa 245. In salita le calorie bruciate si aggirano attorno alle 230.

Per calcolare quante calorie si bruciano camminando si può utilizzare l’equazione: spesa energetica= 0,70 * Km percorsi * peso corporeo.

Ci si può impegnare per rendere più efficace la camminata, per bruciare più calorie e perdere peso. Ad esempio, si può diversificare la camminata, per ottenere dei risultati più rilevanti. La migliore strategia è quella di alternare minuti di camminata moderata a brevi periodi di camminata veloce mentre. Chi ha maggiore resistenza ed allenamento si può cimentare in camminate più veloci oppure difficili su percorsi in salita. Ma si possono anche introdurre dei pesi, da indossare attorno ai polsi oppure alle caviglie. In questo modo è possibile raddoppiare le calorie bruciate. Per migliorare la resistenza e per ottenere dei risultati più soddisfacenti, si possono usare contapassi o fitness tracker. Così ci si può sfidare con lo scopo di superare se stessi giorno dopo giorno.

, ,

Informazioni su GGdonna55

Vedi tutti gli articoli di GGdonna55 →