Rompere le pastiglie prima di ingerirle è possibile?

Con le dovute precauzioni è possibile rompere le pastiglie prima di ingerirle. Per facilitare così l’assunzione dei farmaci orali. Non poche persone hanno delle difficoltà quando devono inghiottire una pillola. Secondo i consigli del ministero della Salute è possibile intervenire sui prodotti farmaceutici orali.

In tal senso, bisogna fare riferimento alla “Raccomandazione n.19” emanata dal ministero della Salute. Quindi, con la giusta cautela si può non solo dividere in due le compresse, ma anche sbriciolarle in polvere.

Poiché si deve intervenire su un prodotto di tipo farmaceutico, è bene seguire la corretta manipolazione. Per non causare casi di instabilità del farmaco. Ma anche per non alterare la stessa terapia. Inoltre si devono evitare gli effetti irritanti.

Per garantire più sicurezza si possono seguire le indicazioni della “Raccomandazione n.19”. Che chiarisce come: dividere, triturare, frantumare o rendere in polvere le compresse. Si consiglia anche come eseguire la corretta apertura di capsule. Si suggerisce poi come gestire le preparazioni di farmaci. In caso di terapie pediatriche. In generale, si fa riferimento alla manipolazione dei farmaci orali a domicilio.

Quando un paziente non è in grado di assumere delle forme farmaceutiche orali solide ed integre si può intervenire. La manipolazione così facilita l’assunzione orale. Inoltre consente di ottenere un giusto dosaggio, qualora non sia disponibile in commercio.

Rompere le pastiglie: “Raccomandazione n.19” del ministero della Salute

È possibile rompere le pastiglie prima di ingerirle, in caso di malati pediatrici ed anziani. In particolare, se si tratta di soggetti disfagici di età adulta e di pediatrica. Si possono anche manipolare i presidi farmacologici orali da somministrare a: pazienti prebisfagici, pazienti politrattati, pazienti in nutrizione enterale.

La prima raccomandazione è quella di intervenire quando si è sul punto di assumere il farmaco. In presenza di compresse scindibili si deve eseguire la divisione lungo la linea. Nei casi di compresse senza la linea di divisione, la cautela è maggiore. Perché non si devono fare dei tagli vivi o le facce ruvide.

È importante comunque fare una divisione di tipo simmetrico. Evitando le divisioni inferiori ad un quarto. Se non specificato dal produttore.

Non si devono trascurare poi le condizioni igieniche. Non solo delle mani ma anche degli ambienti e degli oggetti usati per ridurre i farmaci. In tal caso, è bene scegliere un piano sterilizzato su cui operare. Per prevenire la contaminazione dopo la manipolazione.

Si deve poi fare attenzione a non inalare il farmaco. Inoltre, si deve evitare il contatto con i principi attivi aerosolizzazione. Non ci sono delle indicazioni sui farmaci antineoplastici.

, ,

Informazioni su GGdonna55

Vedi tutti gli articoli di GGdonna55 →